• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Linkedin

MODALITÀ DI CONFERIMENTO/REVOCA DELLE DELEGHE PER L'UTILIZZO DEI SERVIZI DI FATTURAZIONE ELETTRONICA

Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate

Il Direttore dell'Agenzia delle Entrate, con provvedimento del 5 novembre 2018, ha approvato il modulo per il conferimento/revoca delle deleghe all'utilizzo dei servizi di Fatturazione elettronica, unitamente alle relative istruzioni per la compilazione, nonché il modulo per il conferimento/revoca delle deleghe all'utilizzo del Cassetto fiscale delegato (che si allegano per opportuna conoscenza).
Considerata la vasta platea dei soggetti coinvolti nel processo di fatturazione elettronica e i volumi di fatture previsti, l'Agenzia ha messo a punto due procedure per semplificare il processo di attivazione delle deleghe, garantendo, al contempo la tutela del delegante. In particolare, è stato realizzato un servizio che consente di inviare, con modalità massiva dal 5 novembre o con modalità puntuale dal 30 novembre 2018, una comunicazione telematica contenente i dati essenziali delle deleghe conferite, ai fini della loro attivazione automatica.
Come si legge nel comunicato stampa annesso al provvedimento, gli operatori potranno delegare all'utilizzo dei servizi e-fattura fino a quattro soggetti, per un periodo massimo di due anni. Per quanto riguarda, invece, la consultazione del proprio cassetto fiscale gli operatori potranno delegare fino a 2 intermediari, automaticamente per 4 anni, salvo revoca. Per fornire un ulteriore ausilio ai contribuenti nel conferimento delle deleghe entrambi i modelli prevedono due nuove sezioni dedicate all'indicazione dei dati dell'eventuale soggetto cui si conferisce procura per la consegna presso un qualsiasi ufficio territoriale e di quelli relativi all'autentica della firma del delegante.

Contenuto dei moduli per il conferimento/revoca delle deleghe all'utilizzo dei servizi di Fatturazione elettronica e del cassetto fiscale

Entrambi i moduli per il conferimento/revoca delle deleghe sono composti dai seguenti elementi:

  • l'informativa sul trattamento dei dati personali di cui al Regolamento UE 2016/679;
  • una sezione per l'indicazione dei dati del delegante, dell'eventuale rappresentante o tutore, dei delegati, della tipologia di operazione richiesta (conferimento/revoca)  e, per il modulo relativo alle deleghe per la fatturazione elettronica, anche i servizi il cui utilizzo si intende delegare, della scadenza della delega per i servizi di Fatturazione elettronica;
  • una sezione per l'indicazione dei dati del soggetto cui è eventualmente conferita procura speciale per la presentazione del modulo presso gli uffici dell'Agenzia delle entrate;
  • una sezione per l'autentica della firma del delegante, nel caso in cui sia stata conferita la procura speciale alla presentazione del modulo, nei casi previsti;
  • la descrizione dei servizi delegabili.

Servizi e numero di intermediari delegabili, durata della delega

Il provvedimento dispone che con la presentazione del modulo per il conferimento/revoca delle deleghe all'utilizzo dei servizi di Fatturazione elettronica sono delegabili i seguenti servizi:

  1. Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici, servizio delegabile esclusivamente a favore degli intermediari;
  2. Consultazione dei dati rilevanti ai fini IVA, servizio delegabile esclusivamente a favore degli intermediari;
  3. Registrazione dell'indirizzo telematico, servizio delegabile esclusivamente a favore degli intermediari;
  4. Fatturazione elettronica e conservazione delle fatture elettroniche, servizio delegabile anche a favore di soggetti diversi dagli intermediari;
  5. Accreditamento e censimento dispositivi, servizio delegabile anche a favore di soggetti diversi dagli intermediari.

Come già anticipato in premessa, ogni delega può essere conferita a non più di 4 soggetti e la durata della delega è stabilita dal delegante entro il limite massimo di 2 anni dalla data del conferimento.
Con la presentazione del modulo per il conferimento/revoca delle deleghe all'utilizzo del Cassetto fiscale delegato invece, è delegabile il Cassetto fiscale delegato. Il servizio è delegabile esclusivamente a favore degli intermediari, fino a un massimo di 2 e la durata della delega è automaticamente fissata a 4 anni, salvo revoca.

Modalità di presentazione

Il modulo per il conferimento/revoca delle deleghe all'utilizzo dei servizi di fatturazione elettronica può essere presentato, dal delegante o dal soggetto cui è stata conferita apposita procura speciale presso un qualsiasi ufficio territoriale dell'Agenzia delle entrate.
Nel caso di consegna del suddetto modulo all'intermediario delegato, quest'ultimo provvede ad inviare all'Agenzia delle entrate i dati essenziali ai fini dell'attivazione delle deleghe/revoche che gli sono state conferite. Tali dati sono trasmessi:

  • entro 90 giorni dalla data di sottoscrizione del modulo, per le richieste di conferimento delega;
  • entro 2 giorni lavorativi dalla data di sottoscrizione del modulo, per le richieste di revoca di deleghe già conferite.

Questa comunicazione potrà essere inviata dall'intermediario con modalità "massiva", e quindi conterrà i dati di più deleghe conferite, oppure potrà essere trasmessa con modalità "puntuale", per attivare singolarmente ogni delega ricevuta.
Per la revoca di deleghe già conferite, l'intermediario delegato invece dovrà utilizzare una funzionalità web di invio "puntuale", disponibile nella propria area riservata.

Invio massivo

L'intermediario delegato invia all'Agenzia delle entrate una comunicazione telematica contenente i dati essenziali per l'attivazione delle deleghe. L'attivazione delle deleghe è subordinata alla positiva verifica degli elementi di riscontro, contenuti nella dichiarazione IVA presentata da ciascun soggetto delegante nell'anno solare antecedente a quello di conferimento/revoca della delega.
Per ciascuna comunicazione è rilasciata una ricevuta, contenente l'esito delle richieste e l'indicazione degli eventuali motivi di scarto.

Invio puntuale

L'intermediario delegato, tramite una funzionalità web resa disponibile nella propria area riservata a decorrere dal 30 novembre 2018, invia i dati essenziali per l'attivazione di ciascuna delega/revoca che gli è stata conferita.
Anche in questo caso, l'attivazione delle deleghe/revoche è subordinata alla positiva verifica degli elementi di riscontro, contenuti nella dichiarazione IVA presentata dal delegante nell'anno solare antecedente a quello di conferimento/revoca della delega.
Per ciascuna richiesta di attivazione delega è rilasciata una ricevuta, contenente l'esito della richiesta e l'indicazione degli eventuali motivi di scarto. Analogamente, è rilasciata un'attestazione di accettazione/rifiuto per ciascuna richiesta di revoca.
A tutela del delegante, l'Agenzia invierà un messaggio di posta elettronica certificata - all'indirizzo risultante dall'Indice nazionale degli indirizzi PEC delle imprese e dei professionisti (INI-PEC) - per comunicare l'attivazione della delega.
Laddove non si possano fornire i dati di riscontro, per esempio perché la dichiarazione IVA non è stata presentata, e dunque non si possa ricorrere alla procedura di trasmissione del file, l'invio del modulo può essere effettuato dall'intermediario munito dei requisiti per l'autenticazione della firma (articolo 63 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600).
In tal caso l'intermediario predispone un file, per ciascun soggetto delegato, contenente:

  • le copie delle deleghe sottoscritte dai deleganti, unitamente alle copie dei documenti di identità dei sottoscrittori stessi;
  • un prospetto contenente gli elementi essenziali delle deleghe conferite;
  • la dichiarazione sostitutiva di atto notorio con cui si attesta di aver ricevuto specifica procura, la rispondenza di quanto riportato nel file di cui sopra con quanto indicato nei moduli stessi e l'impegno a conservare gli originali dei moduli per 10 anni dalla data della loro sottoscrizione;

L'intermediario firma digitalmente il file e provvede all'invio tramite PEC all'indirizzo delegafatturazioneelettronica@pec.agenziaentrate.it.
Indipendentemente dalle modalità di conferimento, ciascun soggetto delegante può consultare l'elenco delle deleghe che ha conferito attraverso apposite funzionalità rese disponibili all'interno della propria area riservata.

Dati essenziali per l'attivazione delle deleghe

La comunicazione telematica riguardante l'invio in modalità massiva è presentata attraverso il servizio Entratel. Nella comunicazione, contenente l'elenco dei contribuenti per i quali si richiede l'attivazione della delega, sono indicati, per ciascun delegante, i seguenti dati:

  • i servizi oggetto delega;
  • la data di scadenza della delega;
  • la data di conferimento e il numero della delega;
  • la tipologia e il numero del documento di identità del sottoscrittore della delega;
  • una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, con cui l'intermediario dichiara di aver ricevuto specifica delega in relazione ai servizi indicati nell'elenco, che l'originale del modulo è conservato per 10 anni presso la sua sede o ufficio, e che i dati dei deleganti e delle deleghe corrispondono a quelli riportati nei moduli di conferimento delle deleghe;
  • gli elementi di riscontro necessari a garantire l'effettivo conferimento della delega all'intermediario, relativi alla dichiarazione IVA presentata da ciascun soggetto delegante nell'anno solare antecedente a quello di conferimento della delega (l'importo corrispondente al volume d'affari e quelli corrispondenti all'imposta dovuta e all'imposta a credito).

Conservazione dei moduli di delega

Gli intermediari delegati e i soggetti che hanno trasmesso i moduli di delega tramite pec, conservano i moduli acquisiti, unitamente alle copie dei documenti di identità dei deleganti, e individuano uno o più responsabili per la gestione dei suddetti moduli.
I moduli acquisiti sono numerati e annotati, giornalmente, in un apposito registro cronologico e sono oggetto di controllo da parte dell''Agenzia delle entrate, anche presso le sedi degli intermediari.

07/11/18