• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Linkedin

PRESTAZIONI OCCASIONALI

Rimborso somme versate e non utilizzate

L'INPS, con messaggio n. 2121/2018, ha reso noto che sulla piattaforma delle prestazioni occasionali è stata rilasciata apposita funzionalità per consentire il rimborso agli utilizzatori delle somme versate e non utilizzate. Possono essere oggetto di rimborso solo le somme effettivamente versate dall'utilizzatore, e non anche le somme di cui si ha la titolarità nel portafoglio in seguito alla concessione di benefici o bonus.

Occorre innanzitutto procedere alla presentazione della domanda di rimborso on-line con le seguenti modalità:

  • autenticazione tramite il PIN INPS oppure tramite identità SPID o Carta Nazionale dei Servizi (CNS);
  • accesso alla Piattaforma delle prestazioni occasionali;
  • nell'apposita sezione "Modalità di rimborso" dovrà essere indicato l'Iban sul quale si vorrà ottenere il rimborso delle somme;
  • la procedura informatica esegue un controllo sulla regolarità formale dell'Iban;
  • la domanda viene identificata mediante un numero di protocollo.

Dopo l'inserimento della domanda di rimborso, la pratica viene lavorata dagli operatori della Struttura territoriale competente che viene individuata sulla base della residenza dell'utilizzatore nel caso del Libretto Famiglia e della sede legale della persona giuridica nel caso del Contratto di prestazione occasionale.

La procedura controlla automaticamente che l'importo da rimborsare sia effettivamente presente nel portafoglio dell'utilizzatore. Nel caso in cui la somma chiesta a rimborso ecceda l'importo disponibile, il rimborso potrà avvenire solo nei limiti dell'importo effettivamente presente nel portafoglio dell'utilizzatore.

I dati inseriti nella domanda possono essere modificati dall'operatore, su istanza dell'utilizzatore, nel caso in cui si renda necessario rettificare l'Iban, l'indirizzo e-mail o l'importo chiesto a rimborso (l'importo massimo rimborsabile non può essere corretto digitando un importo superiore a quello originariamente richiesto).

La domanda può essere modificata fin quando si trova nello stato di "accolta", diviene invece immodificabile dopo che è stata inviata in liquidazione. Inoltre, durante il periodo intercorrente tra la liquidazione e il perfezionamento del rimborso, non è possibile modificare l'Iban dell'utilizzatore.

Icona documento 'Formato PDF'Scarica la circolare (formato PDF - 87 KB)


30/05/18
+ Info su:
Lavoro occasionale ,

Cerca Aziende Associate



Diventa Socio
Ricevere news da Asseprim